2017/04/08

Brexit reloaded

Allo scopo di liberarsi dal giogo europeo, un manipolo di guerriglieri del Regno Unito ha iniziato una guerra senza quartiere all'Europa fino a quando, finalmente, l'Europa ha dovuto capitolare e ritirare le sue truppe di occupazione delle isole britanniche.

Nello stesso periodo, un gruppo di indipendentisti scozzesi, ringalluzziti dal caos che veniva montando, ha deciso di provare a separarsi dal Regno Unito, ma la loro rivolta è stata soffocata nel sangue. La vittoria dei guerriglieri britannici contro l'occupante europeo, lungi dal fiaccare l'animo scozzese, ha invece convinto gli scozzesi a cercare un appoggio nell'Europa per minare nuovamente la sovranità territoriale britannica.

E naturalmente, la situazione nell'Irlanda del Nord continua ad essere tumultuosa, con il confine tra Nord e Sud chiuso.

Come dite? Non è andata così? Non sta andando così?

E' vero, non è andata così. Per sancire l'uscita dall'Unione Europea, il Regno Unito ha chiesto di applicare una legge che era già prevista. Punto. Si dovrà discutere dei dettagli, ma non ci sono altre cose da fare. Non ci sono guerre di indipendenza da combattere, proiettili da sparare, città da distruggere.

Allo stesso modo, la Scozia ha istituito un referndum per decidere se uscire dal Regno Unito o no. Gli indipendentisti hanno perso, e ora hanno deciso di farne un altro. Fine. Di nuovo, niente proiettili, niente morti.

Questa è l'Unione Europea.

E' un posto dove ci si siede ad un tavolo e si discute. E se si vuole si va via. Non è l'Impero di Carlo Magno e neppure la Grande Germania.

E siamo così abituati che le cose funzionino così, che la politica in Europa si faccia sedendosi e discutendo che non ci facciamo più neppure caso.

2017/03/25

Questa è l'Europa!

Ultimamente, mi capita spesso di guardare su Youtube vecchie puntate di uno show americano chiamato "What Would You Do?" (WWYD)

Il programma è una sorta di candid camera; attori creano situazioni, come ad esempio dei ragazzi che se la prendono con un senza tetto, oppure una ragazza di colore che viene discriminata in un negozio di lusso, o simili.

La troupe presente filma la reazione dei cittadini, e poi le reazioni più interessanti vengono trasmesse.

In questo show americano è interessante vedere come spesso, per sottolineare che si stanno violando i diritti di una persona (la ragazza discriminata perché è di colore) i cittadini esclamino: "Questa è l'America!" o "Siamo in America!".

Sono rimasto molto colpito da queste affermazioni. "Questa è l'America" sembra essere per quei cittadini l'argomento conclusivo, il richiamo ad una serie di principi che non sono negoziabili.

E guardando oggi l'Europa, è questo probabilmente che manca a molti cittadini europei: il fatto di doversi muovere di fronte ad un'ingiustizia, esclamando: "Non posso permetterlo, questa è l'Europa!"

2016/12/15

Latino e Greco per tutti

Ho fatto il Liceo Classico, poi ho fatto Scienze dell'Informazione (oggi Informatica). Lavoro da almeno venti anni nel mondo dell'informatica.

Ad intervalli regolari di tempo, esce fuori la polemica sull'insegnamento del Latino e del Greco, e sulla loro utilità o inutilità.

Invece che portare argomenti a favore o contro l'utilità dell'insegnamento di queste materie nei Licei, vi propongo di partire dall'ipotesi che lo studio del Latino e del Greco Antico siano superiori strumenti di formazione. Ammettiamo che quelli che studino Latino e Greco abbiano una marcia in più, una forma mentis particolare, un dono divino, quello che vi pare.

In un mondo pieno di persone che vogliono sviluppare le proprie capacità, i difensori del Latino e del Greco affermano di avere in mano un insegnamento che le può rendere competitive.

Qual è la rezione ovvia?

Per me la reazione ovvia è: se questo è vero, questo è un prodotto intellettuale che può essere esporato in tutto il mondo.

Come?

Esistono piattaforme per l'erogazione di corsi online (EdX, Coursera), in varie forme. Se c'è domanda per questa competenza, ci sono persone pronte a pagare per questa competenza. I professori potrebbero fare da supporto agli allievi, mediante i forum ad esempio.

Certo, preparare un corso accattivamente su argomenti ostici come il Latino e il Greco richiede professori molto bravi nel comunicare, e comunicare in inglese, e una struttura che sappia preparare questo genere di contenuti. E richiede anche tanti altri professori che seguano gli studenti nelle classi online, rispondendo ai loro dubbi. Richiede anche che questi professori sappiano almeno leggere e scrivere l'inglese.

Però è questa la scommessa: o questi insegnamenti sono davvero superiori, o non lo sono. E se lo sono, non si vede perché non provare a venderli.


2016/10/27

La prossima partita



Moglie e figlia a Wing Tsun. Nelle cuffie mi ascolto questo. E intanto preparo la prossima partita.

2016/06/19

Le "benpensanti" e la violenza sulle donne

Per la nostra incapacità di creare una società migliore, troppo spesso una donna è vittima degli abusi di un uomo, o di più uomini.

Quelle poche volte (secondo le statistiche) che la vittima sporge denuncia e la notizia finisce sui giornali, parte la solita ridda di commenti. La cosa che mi lascia attonito è leggere come spesso e volentieri le donne siano le prime a spiegare come la vittima se la sia cercata. In mancanza di un nome migliore, chiamerò queste donne le "benpensanti".

Le "benpensanti" naturalmente non scrivono esplicitamente "è colpa sua, se l'è cercata". Qualche decennio di modernità le ha almeno costrette a cercare di nascondersi. Quello che invece fanno  scrivere che "una donna nel mondo di oggi non..."

Ad esempio, in una vicenda recente, sembra che una donna abbia seguito tre uomini in un casolare abbandonato, e che i tre abbiano poi abusato di lei. Lasciamo perdere se i fatti si siano svolti così oppure no, la cosa non è importante (siamo su Facebook: i fatti non hanno posto qui). Ah, dimenticavo: i tre uomini sono tre extracomunitari: questo per le "benpensanti" è un'aggravante. Per la vittima, ovviamente.

Il comportamento colpevole è stato quindi: "seguire di notte tre sconosciuti di colore in un casolare abbandonato".

La cosa interessante a questo punto è provare a vedere come questa donna avrebbe potuto evitare questo comportamento "colpevole". Sempre secondo le "benpensanti", naturalmente.

Poteva non essere in giro di notte. Infatti, secondo le "benpensanti", le donne dabbene non vanno in giro di notte.

Poteva non essere in giro da sola. Le donne dabbene non vanno in giro da sole, ma si fanno accompagnare da un uomo.

Poteva non parlare agli sconosciuti. Le donne dabbene parlano solo con uomini noti.

Poteva non seguire gli sconosciuti. Le donne dabbene non vanno in posti a loro sconosciuti, ma rimangono all'interno di quei posti dove sono state portate prima da un uomo conosciuto.

Viene da domandarsi come sia un mondo dove le donne "dabbene" si comportino in questo modo.

In realtà non è difficile immaginarselo: basta guardare a quella che era l'Italia di provincia del secondo dopoguerra, che è rimasta tale praticamente fino almeno alla fine degli anni Settanta del secolo scorso.

Dopotutto, la violenza sessuale sulle donne è diventato un reato contro la persona e non contro la morale proprio in quegli anni, e non per caso.

Quindi, care "benpensanti", ricordatevi che ogni volta che regalate una delle vostre perle di saggezza su Facebook quel mondo orribile si avvicina un po' di più. E ricordatevi anche che poi in quel mondo ci dovrete anche vivere.