2009/12/14

Tristezza

Oggi mi sono sentito triste, così, tutto ad un tratto. Perché? Perché ho letto un po' di commenti in giro, sull'aggressione a Berlusconi. Ho visto persone che hanno esultato.

E mi sono sentito triste.

Perché io ci tengo a questo paese. Io ci abito. Non vivo in Germania, in Inghilterra, in Francia o negli Stati Uniti: vivo in Italia.

E oggi ho avuto l'impressione che si fosse rotto un argine, si fosse superato un limite: è stato versato il primo sangue.

Certo, oggi è quello di Berlusconi; e domani? A chi toccherà domani?

Oggi mi hanno ricordato che l'Italia è diventato un brutto posto; e questo mi ha reso triste.

Nessun commento: